Home / Uncategorized / Food valley è destinazione turistica

Food valley è destinazione turistica

La Food valley è destinazione turistica gastronomica per il 2021. Dal cibo al vino, dai condimenti ai dolci, la zona dell’Emilia Romagna è pronta ad accogliere turisti in cerca di esperienze culinarie uniche!

La cucina del territorio italiano è vasta e gustosa. Da nord a sud, sono numerosissime le specialità di ogni regione e, soprattutto, di ogni città. Basti pensare all’Emilia Romagna, che da sola può contare su un’altissima concentrazione di prodotti DOP (Denominazione di Origine Protetta) e IGP (Identificazione Geografica Protetta). Nascono qui, infatti, alcune delle eccellenze gastronomiche più apprezzate in tutto il mondo. Per citarne alcune: Parmigiano Reggiano, Prosciutto crudo di Parma, culatello, Lambrusco, Pignoletto e ovviamente il nostro amato Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

La “Food Valley”

Terra dai mille sapori, l’Emilia Romagna si trasforma in un luogo di cultura, gusto e condivisione denominato, appunto, “Food Valley”. Da Parma a Modena, passando per Reggio Emilia e Piacenza, la Food Valley è destinazione turistica ambita per il 2021 (ma non solo) da tutti gli amanti della buona cucina e della compagnia a tavola. Importante ricordare anche che Parma è capitale della cultura 2020-2021 e che nel 2015 ha conquistato il titolo Unesco di “Città Creativa per l’Enogastronomia”! 
Il presidente di Destinazione Emilia Cristiano Casa afferma a riguardo: “In quanto Food Valley italiana, abbiamo la responsabilità di trasformare la nostra fortuna nel presupposto per creare una destinazione per il turismo enogastronomico”. 

Gli obiettivi e i partecipanti

L’obiettivo è dunque implementare l’ospitalità turistica proposta da uno dei tanti territori-simbolo del food italiano, incoraggiando così il turismo non solo culturale ma anche enogastronomico. Sono numerosi i partecipanti alla rete: dai ristoranti ed agriturismi alle guide turistiche, dai fornitori di servizi e musei ai produttori e rivenditori fino ad arrivare a cantine e strutture ricettive. Nella Food Valley si può parlare, infatti, di un vero e proprio sistema di musei “emozionale” legati al cibo: non solo aziende e consorzi aperti al pubblico, ma veri e propri tour in cui cultura e gusto sono perfettamente mescolati. Esiste persino la “Food Valley Travel & Leisure”, incaricata di organizzare gite apposite alle più svariate eccellenze culinarie dell’ Emilia Romagna.

La scuola di cucina

Per gli appassionati di cucina, inoltre, esiste l’ALMA, la scuola internazionale di cucina con sede a Colorno (provincia di Parma) fondata nel 2003 e legata all’importante nome di Gualtiero Marchesi. 

Amici che dire, quest’estate la Food Valley è destinazione turistica e noi vi aspettiamo! Mi raccomando, venite a pancia vuota!

Un caro saluto da Modena