Home / Aceto Balsamico di Modena / Densità dell’Aceto Balsamico di Modena

Densità dell’Aceto Balsamico di Modena

Un buon aceto deve essere denso?  Come potete immaginare maggiore è la densità dell’Aceto Balsamico di Modena, maggiore è la sua qualità, solitamente un aceto balsamico denso è un prodotto di qualità superiore, la densità di Balsamico Modenese un è considerata una caratteristica positiva. Ma non deve essere eccessiva!!!

Come si calcola la densità del prodotto? E come nasce. 

Si calcola in base al peso di un litro del prodotto: se un litro di prodotto finito pesa Kg 1,10 la sua densità è di 1,10. Se un litro di prodotto pesa Kg 1,20 la sua densità è di 1,20.

Per quanto riguarda l’ Aceto Balsamico di Modena IGP prodotto su scala industriale che può per legge essere messo in vendita solamente dopo 60 giorni di invecchiamento con una densità minima di 1,06. Gli unici ingredienti ammessi dal disciplinare sono : mosto cotto in dosi dal 10% a 80%, aceto di vino in dosi dal  20% al 90%, E150 caramello max 2%. 

Facile intuire come una maggiore presenza di mosto cotto si indice di maggiore densità e maggiore qualità del prodotto.

L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP prodotto artigianalmente viene messo in vendita dopo un invecchiamento minimo di 12 o 25 anni in piccole botti di legni diversi. Ha una densità minima di 1,34 ed è composto solo da mosto cotto.
Durante il naturalmente e lunghissimo processo d’invecchiamento aumenta progressivamente la propria corposità, che però non deve diventare eccessiva, fino ad assumere una corretta scorrevole sciropposa. 

Ma state attenti, accade anche che una densità elevata diventi una caratteristica negativa! 

Questo fenomeno può raramente accadere all’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, il mosto cotto è l’unico ingrediente, può subire delle cristallizzazioni o sedimentare abbondantemente. 

Un Balsamico Tradizionale troppo denso non è un buon Aceto. L’affinamento in botte del prodotto non è avvenuto correttamente. 

Come potete notare dal filmato, a volte il prodotto assume una consistenza che lo rende inutilizzabile. 

La corretta viscosità e scorrevolezza del prodotto, caratteristiche tipiche di un ottimo Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, in questo caso non sono presenti. Come potete notare un’eccessiva presenza di sedimenti si è deposita sul fondo della bottiglia. Questi sedimenti non alterano il gusto del prodotto ma sicuramente non sono graditi.

La densità dell’Aceto Balsamico di Modena è una caratteristica che vi consigliamo di tenere in considerazione. 

Hai mai provato un vero Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP?

Un caro saluto da Modena 

Check Also

Aceto Balsamico va conservato in Frigo

Aceto Balsamico va conservato in frigo?

L’Aceto Balsamico va conservato in frigo? Da numerosi anni, l’eccellenza del modenese si trova sulle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *