Breaking News
Home / La mia Acetaia / Davide e la sua profonda passione

Davide e la sua profonda passione

Davide e la sua profonda passione per il Balsamico Tradizionale, un incontro che non dimenticheremo. Trascorrere del tempo insieme, sentire i racconti di come è stato conquistato da questo straordinario prodotto e dalle sue metodologie di produzione è stato per noi molto emozionante.

Davide ti va di raccontarci come è nata la tua passione per il Balsamico Tradizionale?

D. “Poco più di vent’anni fa ho iniziato a conoscere il Tradizionale grazie a mio cognato, proprietario del ristorante Villa La Regina del Bosco in località Bosco della Saliceta di Camposanto MO, che mi fece vedere la sua acetaia e provare i suoi prodotti. Ne rimasi subito colpito.” 

Davide e la sua profonda passione: è stato un colpo di fulmine!! 

Continua Davide: ”Rimasi immediatamente innamorato del profumo che aleggiava nella soffitta, delle botticelle di dimensioni diverse posizionate sulla calastra (struttura in legno composta da travi di legno sagomate sulla quale vengono appoggiati i barili che compongono l’intera batteria) e del sapore di questo oro nero.

Davide e la sua profonda passione

Decisi di avere la mia batteria personale e acquistai 5 botti di legno tutte di Rovere, l’anno successivo acquistai la seconda batteria composta da botti di legni diversi: Gelso, Ciliegio, Noce, Rovere e Castagno.”

“Più mi addentravo nel mondo del Balsamico Tradizionale più ne rimanevo estasiato. Mi affascinava il processo produttivo ed i suoi rituali. Acquistare le uve di Lambrusco o Trebbiano, pigiarle, cuocere il mosto per ore, attendere la fermentazione, fare i travasi e i rincalzi del prodotto sono operazioni che ho sempre fatto con grande gioia. 

Dedicare del tempo a questi gesti tramandati di generazione in generazione  mi ha sempre dato grandi soddisfazioni. Ho sentito la necessità di incrementare la mia passione aumentando il numero di Batterie, oggi sono a quota 11. L’aceto che prelevo viene usato da noi famigliari e parenti. A volte lo regalo a Natale agli amici più stretti” 

Ricordando che per ottenere un buon prodotto ed essere chiamato Aceto Balsamico Tradizionale sono necessari 12 anni e per un ottimo prodotto 25 anni Davide ci saluta con queste parole:  “È proprio il caso di dire che è una bella passione”, e noi siamo pienamente d’accordo con lui. 

Grazie Davide anche per averci fatto assaggiare i tuoi ottimi prodotti.

Alla prossima storia, un caro saluto da Modena 

Check Also

Giulio ci racconta

Giulio ci racconta della sua Acetaia

Con uno splendido sorriso Giulio ci racconta che la passione per l’Aceto Balsamico gli è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *